cosa bolle in pentola

I SAPORI D’ITALIA DI LICIA GRANELLO
A GOURMARTE, LUNEDI’ 30NOVEMBRE ORE 14,30

«Dalla A di alici (di Cetara) alla Z di zucchine (le dolcissime Trombette liguri), dalla Val d’Aosta alla Sicilia, l’Italia è attraversata in lungo e in largo dalle trionfanti coordinate del buon mangiare.» Il libro Licia Granello, inviata di Repubblica sul “fronte” dei sapori, è rivolto ai curiosi, ai gourmet, agli appassionati del buon cibo e dei prodotti d’eccellenza, ma anche agli amanti della cultura. Il volume è strutturato in forma di glossario con il meglio della nostra tradizione gastronomica: più di 100 prodotti, tante curiosità e chicche che completano questo alfabeto di sapori. Un viaggio attraverso l’Italia, un Paese tanto ricco quanto poco conosciuto nelle sue diversità, alla scoperta di materie prime di qualità, protagoniste delle nostre tavole in ricette più o meno tradizionali. Un percorso alla ricerca di volti, mani e storie di uomini e donne che con il loro lavoro hanno dato vita alle migliori produzioni del Made in Italy, degne di essere raccontate. «Per questo, ho voluto raccontare le storie di alcuni di loro: facce, intelligenze e passioni da promuovere e supportare per il mix di buono, pulito e giusto (ovvero il massimo dell’enogastronomia) che ci offrono, rallegrando corpo e anima insieme. Senza di loro, i nostri grandi cuochi sarebbero meno grandi, la nostra cucina più povera, i nostri palati meno felici, il nostro status gastronomico meno attraente.» Licia Granello per ogni prodotto, per ogni manufatto, racconta una storia e un segreto, rivela un aspetto inconsueto e un aneddoto.

I Sapori d’Italia, dalla A alla Z
Tradizione e Cultura
Edizioni Gribaudo
Pag.240; prezzo 16,90 euro.

libro granello 

                 cosa bolle in pentola

Lèveillè presenta la sua “vita al burro”
A GourmArte, domenica 29 novembre ore 14,30

Philippe Léveillé è nato in Francia a Nantes nel 1963. Da una vita è di professione e di casa a Concesio, alle porte di Brescia. Noto al grande pubblico per le apparizioni televisive a MasterChef e Pechino Express, è apprezzato dagli amanti della buona tavola per la cucina del Miramonti l’altro, una delle insegne più blasonate della ristorazione italiana. Mixando intelligentemente la tecnica e l’imprinting francese con lo stile italiano e la tradizione bresciana, ha saputo creare uno stile personale per il trionfo della gioia della gola. Questa autobiografia, non un libro di ricette ma una storia di vita raccontata anche e soprattutto attraverso il legame con il cibo partendo naturalmente da quel che ogni bambino bretone conosce appena dopo il latte, il burro, l’ingrediente che è il comune denominatore fra passato e presente della sua vita e della sua cucina, quello in cui s'identifica completamente. L’infanzia in Bretagna, la decisione di diventare chef, la prestigiosa scuola alberghiera di Saumur e poi le irresistibili peregrinazioni culinarie in giro per il mondo: Léveillé ci porta in 3 continenti, a cucinare con lui in grandi alberghi e ristoranti, su yacht e barche a vela, in Somalia, Etiopia e Yemen per la Croce Rossa... Poi a Concesio, Brescia, dove ottiene la consacrazione delle 2 stelle Michelin come chef del Miramonti l’altro e infine a Hong Kong con il ristorante L’altro, premiato da una stella. Lungo tutta la narrazione Léveillé si commuove come allora, si arrabbia come allora, si diverte come allora e il lettore incontra personaggi e luoghi incredibili. Ma proprio niente ricette? Poche, selezionatissime: in risonanza con la vicenda umana dell’autore ne appare una all’inizio di ogni capitolo, per introdurre il lettore al gusto delle nuove pagine.

La mia vita al burro
Giunti Editore, collana Romanzi culinari
192 pagine, 16 euro | anche ebook<

PhilippeLeveill 

                 cosa bolle in pentola

               Martedì 24 novembre al ristorante di via Piero della Francesca la prima tappa del “Giro d'Italia goloso” dedicata alla Sardegna.
Menù dello chef Dario Sechi (Locanda Murales di Olbia)

AL PIER52 UNA SPECIALE CENA DEDICATA AI SAPORI SARDI

Milano - Inizia dalla Sardegna il “Giro d'Italia” del Pier52, il ristorante – alle spalle di Corso Sempione – che, a poco meno di due anni dall'apertura, è riuscito a conquistarsi un posto di tutto rispetto nel panorama della ristorazione meneghina, grazie alla convinzione che in ogni piatto ci debba essere grande intelligenza, al talento del giovane chef salentino Pietro Penna e all'anima dell'altrettanto giovane e abile manager Edi Beqja, convinto che il cibo debba essere sempre il protagonista assoluto. Nel segno di questa filosofia, a partire da martedì 24 novembre, il Pier52 darà il via ad un ciclo di serate realizzate in collaborazione con alcuni eccellenti produttori locali e dedicate alle tipicità enogastronomiche regionali italiane. “L'idea – spiega Edi – nasce dal desiderio di accompagnare i nostri ospiti, sempre molto attenti ed esigenti, alla scoperta dei sapori regionali più tipici, attraverso una ricca proposta di ricette tradizionali, una ricercata selezione di vini emergenti di assoluta qualità e la proposta di menù pensati e realizzati da uno chef 'ospite' che di volta in volta rappresenterà la regione protagonista della serata, con il supporto dello chef Penna, custode della ristorazione al Pier 52”. La prima tappa di questo “Giro d'Italia” goloso è dedicata alla Sardegna, terra dalla straordinaria tradizione enogastronomica. Ai nastri di partenza, martedì 24 novembre, insieme ai padroni di casa, ci saranno anche Piero Canopoli e Giuliana Dalla Longa, titolari della cantina - con annessa locanda curata dallo chef Dario Sechi, anche lui protagonista di questa trasferta culinaria milanese - Murales di Olbia (www.vinimurales.com), “una piccola azienda artigiana (120.000 bottiglie/anno) capace di produrre vini autentici”, come recita la Guida del Gambero Rosso I Vini d'Italia 2016: dal Sentenzia 2014 al Tuttiventi 2014, dal Miradas vendemmia tardiva 2010 al Salto di Coloras 2014. Questi i vini che saranno proposti nel corso della cena, in abbinamento ad un menù tutto da gustare e scoprire, pensato da Dario Sechi, dove nn mancheranno l' insalatina di sedano e bottarga e la ghiotta fregola con le vongole. Dulcis in fundo: ricotta fritta e miele. Costo 60 € vini inclusi. Inizio ore 21.00. Per informazioni e prenotazioni 02 33600400. Pier 52 – via Piero della Francesca 52 – www.pier52.it

pier52 2 unnamed3

pier52 1 

                 cosa bolle in pentola

SERGIO MEI ED MGM PER IL FEELINGFOODMILANO

Messo nel cassetto il progetto di aprire un ristorante di stampo classico annunciato alcuni mesi orsono dopo l’uscita di scena dalle cucine del Four Seasons di Milano, Sergio Mei, il noto cuoco sardo d’origine ma bergamasco d’adozione - risiede da sempre a Capriate e la sua carriera è iniziata nella nostra provincia - ha presentato nei giorni scorsi le tre nuove iniziative che lo vedono protagonista, tutte all’insegna dell’alta cucina. Con la “cena a casa tua” mette a disposizione la sua enorme esperienza per realizzare sedute gastronomiche private, personalizzate sulle singole esigenze, studiate nei dettagli. Cene su misura con cucina realizzata al momento direttamente nella casa del committente, per un minino di 8 fino a 12 ospiti. La stessa opportunità di avere uno chef di fama a disposizione, Sergio Mei la offre in una location di prestigio ricavata in un lussuoso appartamento nel cuore del quadrilatero della moda. Un home restaurant aperto su prenotazione che ha battezzato “Una finestra su Milano”. La terza iniziativa lo vede dirigere lo spazio polifunzionale recentemente allestito dalla MGM Alimentari, azienda milanese (la sede è in via Benaco 30, zona Corso Lodi) leader per la distribuzione di prodotti di alta gamma, dal tartufo al caviale, dal foie gras a specialità a tiratura limitata. Oltre 45 anni di esperienza, professionalità e passione, che Sergio Mei metterà a disposizione per coordinare il grande progetto che prende il nome di “FeelingFood Milano”. Il grande spazio, oltre 550 metri quadrati, sarà teatro di numerose attività: dai corsi di cucina tematici ai seminari di approfondimento, dalle mostre ai banchi di degustazione, dalle cene conviviali agli eventi culturali.

Sergio Mei

ORGANIZZAZIONE

ORGANIZZAZIONE PROMOBERG LOGO
Via Lunga c/o Fiera di Bergamo
24125 Bergamo
Tel. + 39 035 3230911
Multimedia



Tel. +39 02.28040587
multimedia@multimediamilano.it

MAIN SPONSOR & PARTNERS

credito bergamasco logo new ubi banca

Logo REG LOMBARDIA oriz  comune bg pantone

partners bergamo fiera nuovapartners ascom
partners cameradicommercio

Continuando la navigazione, si accetta l'uso dei cookies che ci consente di fornire un servizio ottimale e contenuti personalizzati