FLOATING PIERS SUL LAGO D’ISEO

GLI INTERPRESTI DEL GUSTO SFILANO IN “PASSERELLA”

lantipasto di lago con la sarda essiccata anche presidio slow food è lemblema dellantipasto gastronomico del sebinoArmarsi di pazienza sarà necessario. Non avendo previsto né ticket né prenotazioni orarie, è presumibile infatti che i tempi di attesa per poter “flottare” sulla strada galleggiante ideata da Christo potranno allungarsi anche di parecchio. Ed allora, al fine di non farsi andare per traverso un’esperienza che si annuncia come unica e probabilmente irripetibile, sarà ancora più importante non sbagliare l’approccio gastronomico, prima o dopo o perfino durante l’attraversamento. Per il durante vi rimandiamo alla pagina successiva dove diamo le indicazioni per Monte Isola. Qui rimaniamo con i piedi per terra fornendo gli indirizzi che secondo le nostre esperienze sono le più meritevoli di attenzione attorno al Sebino. Il turista gourmet deve spingersi verso la parte più settentrionale per trovare le insegne che possono soddisfarlo al meglio. Sulla sponda bresciana, sul lungolago di Pisogne, ecco il ristorante Le Tentazioni dei fratelli Pittelli, Sandro e Giacomo (via Papa Paolo VI° n.7; tel.0364.880661).

 

unnamed 26 2

I vini Ximénez-Spínola e la cucina de 
Il Luogo di Aimo e Nadia (Milano)

Pedro Ximénez Vintage 2013 in abbinamento al maialetto di Cinta senese, morbido e croccante, al rosmarino e miele di melo con cotognata.

 

Avete organizzato una cena a casa con gli amici e non sapete assolutamente cosa cucinare? Ai piatti sarà meglio abbinare uno champagne o un vino rosso? Un bianco o un rosato?

Pellegrini S.p.A. vi propone un abbinamento riuscitissimo: il Pedro Ximénez Vintage 2013 di Ximénez-Spínola- vino luminoso, ambrato, dal gradevole sapore dolce - accompagnato a un piatto gustoso, dal tocco dolce, come ilmaialetto di Cinta senese, morbido e croccante, al rosmarino e miele di melo con cotognata.

Gli Chef del celebre ristorante milanese Il Luogo di Aimo e Nadia - Fabio Pisani e Alessandro Negrini - ne propongono una versione abbondantemente laccata con il miele, per accentuare le note dolci che caratterizzano sia il vino che il piatto stesso.

L’abbinamento è perfetto, grazie alla morbidezza del Pedro Ximénez Vintage 2013 e alla croccantezza della carne, con un finale in bocca che regala una sensazione zuccherina. 

Schermata 2016 06 20 alle 11.27.23

Parte il tour di “Team Massari”

I campioni del mondo di pasticceria e gelateria girano l'Italia per trasmettere i segreti della propria arte

L'eccellenza nell'arte della pasticceria e gelateria è stata selezionata dal maestro Iginio Massari: professionisti di valore assoluto individuati dal maestro già nel 2010 e guidati negli anni fino ad ottenere i più importanti riconoscimenti a livello mondiale. Team Massari oggi dedica la propria professionalità anche alla formazione, comunicando conoscenze e tecniche durante un vero e proprio tour in tutta Italia.

Una squadra di altissimo livello: Diego Crosara, campione del mondo di gelateria nel 2012 e 2016, e il trio composto da Fabrizio Donatone, Emmanuele Forcone e Francesco Boccia, medaglie d'oro della prestigiosa Coupé du Monde de la Patisserie 2015, a Lione.

Il dream team, insieme al padre della moderna pasticceria italiana Iginio Massari, compongono “Team Massari”. Dopo un percorso durato 5 anni, con loro inizia un tour in tutta Italia per diffondere la professionalità e l'innovazione nel mondo del dolce, nel rispetto della tradizione italiana, attraverso corsi e dimostrazioni di altissimo livello a numero chiuso, rivolti a un pubblico competente e appassionato.

Il tour dell'eccellenza in pasticceria e gelateria italiana è iniziato.

team Massari

Ecco gli appuntamenti:

20/06 - Diego Crosara- I dolci vegani presso Hangar 78 c/o Silikomart a Pianiga (Ve)

23/06 - Iginio Massari- Mousse al cioccolato e torte presso DMP di Pistoia

28/06 - Fabrizio Donatone- Le prime colazioni presso Antico Convento dei Cappuccini- Ragusa Ibla

Settembre

6-7/09 - Francesco Boccia- Pasticceria mignon al cioccolato presso Multiservice di Ferrara

12-13/09 - Fabrizio Donatone - Prodotti da forno al cioccolato e da prima colazione (CastAlimenti, Brescia)

19-20/09 - Francesco Boccia- Pasticceria mignon al cioccolato (da definire)

26-27/09 - Fabrizio Donatone- I panettoni presso Bogana Group a Cherasco (Cn)

26-27/09 - Emmanuele Forcone- Monoporzioni presso Dimarno Group di Altamura (Ba)

Ottobre

03/10 - Iginio Massari - Torte presso Dimarno Group a Altamura (Ba)

3-4/10 - Fabrizio Donatone - Pasticceria Mignon d'Autore presso A Tavola con lo chef a Roma

10/10 – Iginio Massari – Pasticceria mignon – Casa Massena,Torino

17-18/10 - Fabrizio Donatone - I panettoni (da definire)

26-27/10 - Emmanuele Forcone - Il Natale di cioccolato presso la Domori Academy di Torino

Novembre

2/11 – Francesco Boccia- Il mondo del cioccolato corso base presso Selmi a Santa Vittoria d'Alba (Cn)

10-11/11 - Emmanuele Forcone- Il Natale di cioccolato presso A Tavola con lo chef a Roma

14-15/11 - Francesco Boccia- Pralineria e tavolette d'eccezione - corso mani in pasta (Selmi, Santa Vittoria d'Alba – Cuneo)

I professionisti di Team Massari

Iginio Massari della Pasticceria Veneto a Brescia è tra i padri della moderna pasticceria italiana, passa la gioventù in Svizzera, “decisamente un'ottima scuola per apprendere la pasticceria”, e continua la sua formazione in Francia dal pasticcere Claude Gerber. Tanto amato quanto temuto, è universalmente riconosciuto per l'impareggiabile talento abbinato ad una ferrea disciplina professionale e umana dedizione. Dopo il ritorno in Italia, dal 1964, è vincitore di oltre 300 concorsi, premi e riconoscimenti nazionali e internazionali. Nel 1985 è l'ideatore del Campionato Italiano di Pasticceria. Nel 1987 entra a far parte di Relais Dessert, il primo membro italiano nella storia della prestigiosa associazione internazionale. Nel 1993 fonda l'Accademia Maestri Pasticceri Italiani, più conosciuta come AMPI. Nel 1997 guida la squadra italiana alla vittoria della Coppa del Mondo di Pasticceria, a Lione, un traguardo storico per la pasticceria italiana. Il suo rapporto con il concorso mondiale continua negli anni e nel 2015 Iginio Massari è il primo presidente d'onore “straniero” in terra francese in occasione della Coupe du Monde de Patisserie. In questa occasione è anche allenatore del team italiano che conquisterà la medaglia d'oro dopo molti anni di attesa dall'ultimo trionfo. Miglior pasticcere d'Italia per le guide di settore, Massari riceve nel 2015 il Leone d'Oro alla Carriera, a Venezia. Alla sua lungimiranza si deve, nel 2010, la nascita di Team Massari.

Diego Crosara - Nasce nel regno del tessile, a Valdagno in provincia di Vicenza. Dopo il diploma arrivano i corsi di perfezionamento presso i grandi maestri italiani, e all’estero i preziosi insegnamenti di Albert Adrià, Frédéric Bau e Urs Regli. Pasticcere a tutto tondo, Crosara è stato l’anima di una sua pasticceria “Al Portego”, aperta nella città natale, e attiva fino al 2007, poi la voglia di condividere la sua esperienza con i giovani. Presente ai più noti concorsi di pasticceria, nel 2006 vince la Culinary Cup a Lussemburgo e il titolo di Campione del Mondo per la pasticceria, nel 2012 è Campione del Mondo come allenatore al Campionato femminile Pastry Queen e come allenatore alla Coppa del Mondo di gelateria. Nel 2016 vince la Coppa del Mondo della Gelateria, come team manager della squadra Italiana. Autore di diversi volumi, nel 2012 vince il premio miglior libro italiano al Gourmand Cookbook Award di Parigi con il volume “Mignon”.

Francesco Boccia - Figlio d’arte, con nonno e padre pasticceri, Francesco Boccia ben presto intraprende la lunga e impegnativa strada della pasticceria. La sua passione verso questo mondo così dolce ma estremamente complesso lo spinge da subito a mettersi in gioco con concorsi e gare, prima a livello nazionale e poi internazionale. A soli 21 anni si classifica al primo posto al Campionato Italiano Juniores di pasticceria”. Con il tempo scopre il suo amore per il cioccolato, che lo porterà nel 2011 a partecipare alla selezione del “World Chocolate Masters” dove si piazzerà al secondo posto. Nel 2012 partecipa alla selezione italiana della “Coupe du Monde de la Pâtisserie”; viene proclamato Campione Italiano di Pasticceria Seniores 2012 e si aggiudica il premio della stampa come miglior dessert. Nel 2015 vince la Medaglia d’oro alla Coupe du Monde de la Pâtisserie, Lione.

Fabrizio Donatone - Giovane promessa della pasticceria romana, con una passione infinita per il mondo del dolce. Nuerosi sono i concorsi ai quali ha preso parte e i riconoscimenti ottenuti. Nel 2004 è Medaglia d’Oro e Campione Nazionale di pasticceria artistica e al trofeo Montecatini Terme nella categoria “zucchero”. Lo stesso anno vince la Medaglia d’Argento alle olimpiadi di ERFURT (Germania), sempre nella categoria “zucchero”. Nel 2005 è Medaglia d’Oro e Premio Speciale per il miglior pezzo in zucchero ad Artistica, a Rimini. Nel 2006 è il vincitore della selezione italiana per la Coppa del Mondo della Pasticceria insieme a Fabrizio Galla e Angelo Di Masso, l'anno successivo vincerà la medaglia di bronzo insieme a i colleghi Fabrizio Galla e Angelo di Masso, e vincerà anche il premio speciale della stampa come “Miglior torta al cioccolato”. Infine, nel 2015, il trionfo alla Coupe du Monde de la Pâtisserie, Lione.

Emmanuele Forcone - É il più giovane maestro dell’Accademia Maestri Pasticceri italiani e a soli 30 anni è già tre volte campione italiano di pasticceria. Nel 2011 fonda la Scuola Zucchero Artistico Academy , che diventa presto punto di riferimento per la formazione artistica nel campo dello zucchero a livello internazionale. Svolge attività di consulenza e formazione in scuole, pasticcerie e aziende, in Italia e all’estero, e scrive per riviste di settore. Nel 2003 si classifica Primo al campionato Italiano di Pasticceria juniores. Nel 2004 ottiene il medesimo piazzamento come miglior entremets alla gara internazionale contro la Francia “disfida di Barletta”. L'anno successivo si classica Primo al Campionato Italiano di Pasticceria seniores al Sigep di Rimini. Nel 2009 fa il suo ingresso nell’AMPI, nel 2011 è vice campione del mondo alla “Coupe du Monde de la Pâtisserie”, per poi vincere il titolo mondiale nel 2015.

Team Massari” e il tour dei campioni del mondo nascono con il supporto di Agrimontana: 

Fondata del 1972, Agrimontana ha un'esperienza di oltre 40 anni nella trasformazione della frutta. Da sempre la famiglia Bardini è stata categorica: materia prima di eccellenza, una fortissima ricerca sugli ingredienti e nuove tecniche che non snaturino il prodotto, pochi ingredienti (in etichetta spesso si trovano solo frutta e zucchero, in quanto sono banditi i conservanti e gli addensanti e ogni altro ingrediente chimico). Tra i valori fondamentali ed imprescindibili per Agrimontana ci sono la tradizione è l'attenzione al territorio e all'impegno sociale, che si traducono nel sostegno a piccole cooperative artigiane, selezionando materie prime come nocciole, mandorle, pistacchi e i preziosi marroni. C'è poi la totale attenzione all'innovazione di processo e di prodotto; la passione, che guida la famiglia Bardini, e l'esperienza acquisita nel tempo. Nel 2009 l'azienda ha portato il know how acquisito anche nel mondo del gelato, fondando il progetto Artisti del Gelato: una community selezionata di maestri gelatieri in tutto il mondo, che aderiscono a un rigoroso disciplinare e garantiscono la naturalità degli ingredienti, la selezione delle migliori materie prime, l'autenticità del gusto e delle antiche ricette.

Info e prenotazioni ai corsi

info@agrimontana.it

+39. 0171.261157

image003

CHEF BOTTURA A PALAZZO LANA BERLUCCHI

Svelato il menu dell’attesa cena in Franciacorta

botturaMassimo Bottura rivela il menu dell’esclusiva cena dell’1 luglio a Palazzo Lana Berlucchi, la storica residenza attigua alle cantine dove nel 1961 nacque il primo Franciacorta.

Il salone delle feste del palazzo accoglierà ottanta fortunati gourmet che potranno godere di un’esperienza enogastronomica straordinaria. Si inizierà con “Una lenticchia meglio del caviale”: un piatto sorprendente, dove, come in un gioco di scoperta, piccole lenticchie nere assumono sul ghiaccio la forma e il sapore del caviale con panna acida e aneto. Seconda proposta, “La parte croccante di una lasagna”, piatto che concentra l'essenza della lasagna, ossia la crosta croccante che tutti vogliono staccare dalla placca da forno. I due piatti saranno abbinati a Cellarius Rosé 2011, Franciacorta dall’inconfondibile nuance ramata e dalle vivaci note di piccoli frutti rossi e lieviti di pane. A seguire, un altro must di Bottura, il “Compromesso Storico: Tortellini in crema densa di Parmigiano Reggiano”, una ricetta che lo chef racconta così: «Tortellini in brodo o alla panna? Dopo decenni di dibattito, la questione è ancora da risolvere. E se trovassimo un compromesso storico? I tortellini tradizionali, fatti con pasta all'uovo tirata a mano, vengono cotti in brodo di cappone e poi serviti con un'emulsione di Parmigiano Reggiano 36 mesi di razza bianca modenese e acqua natura per garantirne la purezza. Tradizione e innovazione in ogni boccone».

L’abbinamento scelto per il piatto è Berlucchi ’61 Nature 2009, «un Franciacorta di carattere« dice Cristina Ziliani, responsabile della comunicazione Berlucchi, «affinato sui lieviti oltre 5 anni; Nature incarna la più pura e sincera espressione del territorio perché unisce la pienezza dello Chardonnay alla mineralità del Pinot Nero e rinuncia all’aggiunta finale di sciroppo di dosaggio». Schermata 2016 06 17 alle 15.37.44Si proseguirà con “Psychedelic Spin Painted Veal, not Flame Grilled”. Questa portata rappresenta la grande tradizione toscana della carne alla griglia, ma senza accendere la fiamma. Il vitello è cotto sottovuoto per preservare le proteine essenziali, poi ricoperto di cenere e carbone e abbigliato con clorofilla, crema di patate, succo di barbabietola rossa, peperone giallo e arancione e Aceto Balsamico Villa Manodori. Un secondo piatto tanto importante merita un Franciacorta Riserva: dalle cantine di casa Berlucchi arriva Palazzo Lana Extrême 2007, Pinot Nero in purezza affinato 7 anni sui lieviti e dosato Extra Brut. Un Franciacorta “senza compromessi”, dall’incredibile freschezza e persistenza aromatica. Seguirà il vitello una “Caesar salad in bloom” che racchiude il profumo e il colore della stagione estiva con i petali di fiori, camomilla, gelsomino e polvere di lampone essiccata che ricordano i sentori della natura e ci rinfrescano il palato prima di passare al dessert. Conclusione felice della serata con “Oops! Mi è caduta la crostata al limone”: una crostatina al limone rotta gioca tra convenzioni e aspettativa; strati di zabaione al limone, sorbetto alla verbena e una frolla delicata incontrano bergamotto e canditi. Il dessert, dai delicati aromi agrumati, incontrerà l’invitante morbidezza di Demi Sec, Franciacorta quasi-dolce dai delicati profumi di frutta a polpa gialla e crosta di pane.

La cena con Massimo Bottura a palazzo Lana Berlucchi (80 posti disponibili) ha un costo di 280 euro a persona, per informazioni e prenotazioni www.berlucchi.it.

 

MENU 1 LUGLIO 2016

CHEF MASSIMO BOTTURA

PALAZZO LANA BERLUCCHI

Una lenticchia meglio del caviale

Come in un gioco di scoperta, queste piccole lenticchie nere assumono sul ghiaccio la forma e il sapore del caviale con panna acida e aneto.

La parte croccante di una lasagna

L'idea di concentrare in un piatto quello che è l'essenza della lasagna: la crosta croccante che tutti vogliono staccare dalla placca da forno.

Berlucchi Franciacorta Cellarius Rosé 2011

Compromesso Storico: Tortellini in crema densa di Parmigiano Reggiano

Tortellini in brodo o alla panna ? Dopo decenni di dibattito, la questione è ancora da risolvere. E se trovassimo un compromesso storico?

I tortellini tradizionali, fatti con pasta all'uovo tirata a mano, vengono cotti in brodo di cappone e poi serviti con un'emulsione di Parmigiano Reggiano 36 mesi di razza bianca modenese e acqua natura per garantirne la purezza. Tradizione e innovazione in ogni boccone.

Berlucchi Franciacorta’61 Nature 2009

Psychedelic Spin Painted Veal, not Flame Grilled

Un filetto di vitello dipinto rappresenta la grande tradizione toscana della carne alla griglia, ma senza accendere la fiamma. Il vitello è cotto sottovuoto per preservare le proteine essenziali poi ricoperto di cenere e carbone e abbigliato con clorofilla, crema di patate, succo di barbabietola rossa, peperone giallo e arancione e Aceto Balsamico Villa Manodori.

Berlucchi Palazzo Lana Extrême Riserva 2007

Caesar salad in bloom

Questa caesar salad racchiude il profumo e il colore della stagione estiva con i petali di fiori, camomilla, gelsomino e polvere di lampone essiccata che ricordano i sentori della natura e ci rinfrescano il palato.

Oops! Mi è caduta la crostata al limone

Una crostatina al limone rotta gioca tra convenzioni e aspettativa. Strati di zabaione al limone, sorbetto alla verbena e una frolla delicata incontrano bergamotto e canditi.

Berlucchi Franciacorta Cuvée Imperiale Demi Sec

ORGANIZZAZIONE

ORGANIZZAZIONE PROMOBERG LOGO
Via Lunga c/o Fiera di Bergamo
24125 Bergamo
Tel. + 39 035 3230911
Multimedia



Tel. +39 02.28040587
multimedia@multimediamilano.it

MAIN SPONSOR & PARTNERS

credito bergamasco logo new ubi banca

Logo REG LOMBARDIA oriz  comune bg pantone

partners bergamo fiera nuovapartners ascom
partners cameradicommercio

Continuando la navigazione, si accetta l'uso dei cookies che ci consente di fornire un servizio ottimale e contenuti personalizzati